Sam Lindo, enologo dell'anno del Regno Unito, al Tasting Ex..press di Vinitaly 2011

Camel Valley, Nyetimber, Bolney Estate, Denbies...e tanti altri: sono gli spumanti inglesi metodo classico che i lettori di Euposia hanno imparato a conoscere attarverso i nostri reportage in Inghilterra e le nostre degustazioni. Protagonisti assoluti delle tre edizioni del nostro Challenge internazionale, gli spumanti inglesi saranno al centro del "Tasting Ex...press" del 2011. Vinitaly anche quest'anno ha infatti voluto confermare la fiducia alla nostra testata e dopo tre appuntamenti "sold out" dedicati all'Amarone - alle sue brand new, alle donne protagoniste dell'Amarone, ed ai "classici" - nella prossima edizione della principale rassegna mondiale del vino (fra l'altro dedicata alle "bollicine" italiane), parleremo delle bollicine di Sua Maestà. L'appuntamento è per sabato 9 aprile, con inizio alle ore 15,30, al Primo Piano del PalaExpo. Ad illustrare i vini, ci saranno produttori ed enologi, fra cui Sam Lindo, premiato come miglior enologo inglese nel 2010.

Sam Lindo, enologo dell'anno del Regno Unito, al Tasting Ex..press di Vinitaly 2011



Condividi Lascia il tuo commento 0 commenti

 
Sfoglia l'archivio

Chardonnay, Cabernet sauvignon e Pinot grigio: ecco i vini più richiesti dai consumatori Usa nel 2014

Secondo i dati più recenti dell'Italian Wine & Food Institure, le vendite di Chardonnay, il vino più richiesto dai consumatori americani, sono ammontate a $ 2.397.524.882, con un aumento dell’1,8% rispetto al 2013, seguite dal Cabernet Sauvignon, con $ 1.990.430.442 ed un aumento del 8,2%, dal Pinot Grigio, con $ 1.121.673.962 ed un aumento del 5,2%, dal Merlot, con $ 888.022.656 ed una diminuzione del 3,6%, dal Pinot Noir, con $ 839.550.951 ed un aumento del 7,7%, dal Moscato, con $ 665.804.890 ed un aumento del 7%, dal Sauvignon Blanc, con $ 651.549.139 ed un aumento del 8,8%, dallo Zinfandel Bianco, con $ 371.164.333 ed una diminuzione del 8,3%, dal Riesling, con $ 267.829.941 ed una diminuzione del 2,1%, dal Malbec, con $ 280.309.033 ed un aumento del 7%.


Mercato Usa: il vino italiano supera la soglia del miliardo di dollari, con una crescita del 4,2%

Secondo i dati diffusi dalla Nielsen Company, le vendite al dettaglio di vini da pasto negli Stati Uniti attraverso le grandi catene di supermercati, i grandi magazzini ed i maggiori “grocery store” americani sono aumentate del 3,6% nel periodo intercorso fra novembre 2013 e novembre 2014. La Nuova Zelanda rimane sempre il paese che registra il maggior tasso di crescita a livello di vendite (15%) seguita dal Portogallo (12,2%). Vini americani e vini importati. Nel corso dell’anno in esame si è registrato un aumento nelle vendite dei vini domestici del 4,6% e del 1,3% nei vini importati. Da notare che tra i vini di importazione sono state registrate contrazioni nelle vendite di vini australiani, cileni e tedeschi. I principali paesi di provenienza. Nel periodo che va da novembre 2013 a novembre 2014, le vendite di vini italiani sono ammontate a $ 1.078.540.081 con un aumento del 4,2% rispetto all’anno precedente, seguite da quelle dei vini australiani che sono ammontate a $ 739.442.930, con una diminuzione del 6,9%. Al terzo posto si posizionano i vini argentini con vendite pari a $399.151.074, ed un aumento del 2,7%, seguono i vini cileni con $ 296.115.702, con una diminuzione dello 1,2 % rispetto all’anno precedente. Al quinto posto si posizionano i vini neozelandesi con $ 286.879.624 ed un aumento del 15%, seguono poi i vini francesi con $ 270.400.936 ed un aumento del 4,3%. Al settimo e ottavo posto si trovano rispettivamente i vini spagnoli con vendite di $ 158.114.748 ed un aumento dello 0,3% ed i vini tedeschi con $ 104.010.100 ed una diminuzione del 6,4%, in coda vi sono i vini sud africani e portoghesi rispettivamente con $ 26.851.983 e un aumento delle vendite dello 3,6% e $ 24.360.032 con un aumento del 12,2%. (Click to read more)


Vendite di spumanti negli Usa: il mercato cresce di quasi il 9%. All'Italia un terzo del budget

Le importazioni americane di vino spumante nel corso del 2014, hanno subito un incremento del 8,9% in quantità e del 6,9% in valore, rispetto al 2013. Il totale delle importazioni USA di spumanti è infatti passato da 763.090 ettolitri, per un valore di 800, 4 milioni di dollari del 2013, a 830.760 ettolitri, per un valore di quasi 856 milioni di dollari del 2014. Da notare che gli spumanti di origine italiana detengono una quota di mercato pari al 49.6% in quantità e del 28,2% in valore. Gli spumanti italiani. Molto positivo l’andamento delle esportazioni italiane di spumanti negli USA, sempre in testa alla classifica registrando, nel periodo preso in esame, un aumento del 13,3% in quantità e del 12,1% in valore. Le importazioni statunitensi di vino spumante italiano sono ammontate a 411.980 ettolitri, per un valore di 241 milioni di dollari , contro i 363.700 ettolitri per un valore di poco più di 215 milioni di dollari del 2013. Gli spumanti francesi e spagnoli. Al termine del 2014 gli altri due principali paesi esportatori di spumanti verso gli Stati Uniti, Francia e Spagna, hanno fatto entrambi registrare aumenti sia in quantità che in valore. La Francia ha fatto registrare un aumento del 27,4% in quantità, e del 61% in valore, passando dai 213.650 ettolitri, per un valore di 496,5 milioni di dollari del 2013, a 227.440 ettolitri, per un valore di 522 milioni di dollari dell’anno appena trascorso. La Spagna ha fatto anch’essa registrare un aumento in quantità del 19,3% ed un aumento in valore del 9%, passando dai 152.940 ettolitri, per un valore di 73 milioni di dollari del 2013, a 159.980 ettolitri per un valore di 77, 2 milioni di dollari del 2014.


Si è spento Franco Mazzetti, il "decano" della grappa

Nella notte di domenica si è spento nella sua abitazione di Marcallo, località a breve distanza da Milano, Franco Mazzetti, il decano della Grappa Piemontese, rappresentante della quinta generazione della famiglia di distillatori della Mazzetti d’Altavilla, con sede in cima alla collina di Altavilla Monferrato. Mazzetti, classe 1931, avrebbe compiuto 84 anni il prossimo 19 aprile. Attuale presidente dell’omonimo Gruppo tradizionalmente legato sin dalla metà dell’Ottocento all’attività di produzione di distillati piemontesi di alta qualità, Franco Mazzetti, ha dedicato la sua intera esistenza alla direzione dell’azienda che ha seguito personalmente in una lunga fase caratterizzata da importanti evoluzioni e cambiamenti, come vi sono stati nella seconda metà del Novecento, traghettandola verso l’era digitale operando continui interventi nelle tecnologie, nel marketing e nella comunicazione. Sua fu la lungimirante idea di trasferire negli scorsi decenni la Direzione Commerciale dell’azienda di famiglia di Altavilla Monferrato a Milano, per meglio promuovere i prodotti e, con essi, anche la stessa terra d’origine: il Monferrato, precedendo così una crescente attenzione verso le strategie di promozione e valorizzazione del territorio e delle eccellenze enogastronomiche, oggi al centro del dibattito. Inoltre strinse legami anche con il cavalier Ferrero per le forniture di materie prime da utilizzare in alcune produzioni. Viene ricordato come “uomo di grande intelligenza e intraprendenza che con umiltà ha insegnato i migliori valori ai suoi figli quali il sacrificio e il rispetto”. (Click to read more)


Sloan Square di Milano: un marzo ricco di impegni al top. Dalla belga Chimay a Steve Grossman a San Patrizio...

E' ricco il programma degli eventi allo Sloan Square di Milano, con la birra e la birra in cucina grandi protagonisti. Si va dalla degustazione verticale della mitica birra belga trappista Chimay (in programma questo martedì con un menu ad hoc) al menu speciale ideato e realizzato in collaborazione con lo chef, nonché popolare attore italo-americano, Andy Luotto (lo ricorderete sicuramente per la partecipazione al programma televisivo di Renzo Arbore “Quelli della notte” e più recentemente per la fiction “Nero Wolfe”). Questo menu vuole "celebrare" la straordinaria presenza in Italia, e mercoledì 4 marzo allo Sloan Square, dell'americano Steve Grossman, il Beer Ambassador di uno dei birrifici artigianali più popolari fra quelli attualmente in attività negli Stati Uniti: la Sierra Nevada Brewing Company di Chico, in California. Si inizia martedì 3 marzo con la birra belga Chimay Blu che è una straordinaria birra trappista scura con un forte aroma e dal sapore complesso che migliora nel tempo. Fu inizialmente prodotta come birra natalizia, una volta l’anno, spiegando così la presenza di una “annata” indicata in millesimi nella bottiglia. Martedì allo Sloan Square sarà possibile degustare le annate 2014-2012-2008-2006-2003 in una eccezionale “verticale”. E visto che la Chimay Blu, come tutte le birre trappiste Chimay sono particolarmente indicate per accompagnare un pasto e possono essere usate come ingrediente nella preparazione di molti piatti, per questa particolarissima degustazione è stato pensato un menu ad hoc: Sottili crêpes di patate alla messicana con salsa alla Chimay Bleue (CHIMAY BLEUE 2014 E Chimay Grand Classique) Strudel croccante allo Chimay Grand Classique (CHIMAY BLEUE 2012 E Chimay Grand Classique) Risotto con gamberi rossi e coniglio (CHIMAY BLEUE 2008 E Vieux Chimay) Pollo in crosta marinato alla Chimay Blue con olive nere e asparagi (CHIMAY BLEUE 2006) Filetto di Black Angus alla CHIMAY BLEUE e patate Pont Neuf (CHIMAY BLEUE 2003) Per l’occasione, a raccontarcela ci sarà Alessandro Bonin, responsabile del birrificio trappista per l’Italia. (Clicca per leggere tutto il programma di marzo)


Week end del gusto con il Romagna Wine Festival Dal 6 all’8 marzo, terza edizione Wine Festival cesenate

Per tre giorni Cesena diventa la capitale romagnola del vino. Gastronauti, vignaioli, giornalisti, winemaker, cuochi, degustatori e appassionati del ben vivere sono attesi nella città Malatestiana per la terza edizione del Wine Festival. Da venerdì 6 a domenica 8 marzo 2015 il cuore di Cesena, si trasforma nell’Agorà del confronto fra la Romagna del vino e altri territori enologici italiani di qualità. Primi fra tutti quelli del Sangiovese. Tanti i “centri di gravità” del Festival. A partire dalla Biblioteca Malatestiana, Memoria del mondo, che ospiterà il convegno principale, mentre nel vicino Palazzo del Ridotto andranno in scena le degustazioni principali con in evidenza i vini delle cantine romagnole, i partner toscani, Chianti e Vino Nobile di Montepulciano, e le Cantine ospiti di vari terroir italiani. Terzo polo del Festival il Foro Annonario dove avranno luogo gli show cooking seguiti in una sorta di reality show dalle telecamere di TeleRomagna. E ancora degustazioni di bollicine e assaggi a cura dei ristoranti del Foro. E per unire i vari eventi del Festival, in Via Zeffirino Re verrà allestito il food market delle tipicità gastronomiche romagnole che continua anche all’interno del Foro annonario. Non mancheranno le vetrine a tema in collaborazione con gli esercenti del centro storico. Il tutto in versione “eco”, coniugato da allestimenti e installazioni realizzati con imballaggi di legno in collaborazione con il Consorzio Rilegno, il pool di architetti LaPrimaStanza e l’azienda Casadei Pallets. E a suggello del green, auto ufficiale della manifestazione sarà una Ford Mondeo Hybrid della Concessionaria Ferri di Cesena. Insomma, un week end del gusto a tutto tondo con assaggi, degustazioni, convegni, confronti fra produttori, giornalisti e blogger, show cooking, wine&food market per le vie del centro storico, visite guidate, pillole di analisi sensoriale, racconti di vino e l’attesa disfida tra le il Romagna Sangiovese e i grandi Sangiovese dei terroir toscani. (clicca per leggere il programma completo della rassegna)


Campania Stories, inizia oggi (e sino al 9 marzo) la rassegna che mette assieme il meglio dell'enologia campana

Una rassegna sempre più unitaria, un format rinnovato, due tappe, centinaia di vini in degustazione, oltre ottanta aziende partecipanti: è l’edizione 2015 di Campania Stories, presentazione alla stampa specializzata nazionale ed internazionale e agli operatori delle ultime annate dei vini prodotti nelle principali denominazioni campane, promossa ed organizzata da Miriade & Partners S.r.l. con le aziende partecipanti. La quarta iniziativa del progetto Campania Stories 2015 si terrà dal 2 al 9 Marzo 2015 e assume a partire da questa edizione la forma di un contenitore unico, con due tappe unitarie specifiche dedicate ai vini rossi (prima tappa) e ai vini bianchi (seconda tappa). La prima tappa (vini rossi) si svolgerà dal 2 al 5 Marzo mattina presso il Grand Hotel Parker’s di Napoli; la seconda tappa (vini bianchi) si svolgerà dal 5 Marzo pomeriggio all’8 Marzo presso l’Hotel de la Ville di Avellino. Le aziende non saranno più divise per provenienza territoriale e questo consentirà un assaggio per la stampa più strutturato e completo, soprattutto per i giornalisti internazionali. (Clicca per leggere l'intero programma e la lista delle cantine partecipanti)


RINALDI PARTECIPA A SPIRIT OF SCOTLAND 2015

Rinaldi espone la sua gamma di Whisky a “Spirit of Scotland 2015”, in programma a Roma nei giorni di sabato 7, domenica 8 e lunedì 9 marzo 2015 (orari: sabato 14.00 – 24.00, domenica 12.00 – 22.00, lunedì 10.00 – 19.00). “Spirit of Scotland 2015” riunisce le migliori aziende nazionali e internazionali in un evento che promuove la diffusione e la valorizzazione della cultura del Whisky, attraverso un approccio basato sull’interazione tra business, formazione ed entertainment. “Spirit of Scotland 2015” propone una programmazione ricchissima di eventi, degustazioni libere, masterclass e incontri; tra le novità di quest’anno: l’introduzione di un giorno, il lunedì, interamente dedicato al trade; un ambiente interamente dedicato alla miscelazione; uno shop gestito dall’organizzazione; un’area collector riservata alla degustazione di prodotti d’eccellenza; uno spazio ristorazione, con un ampio menù a disposizione dei visitatori. L’edizione 2014 di “Spirit of Scotland” ha visto la presenza di 3.000 visitatori, con oltre 2.000 etichette in degustazione. 40 sono state le aziende partecipanti, 70 i giornalisti accreditati e 11 i masterclass organizzati. E ancora 11.000 degustazioni offerte, 500 bottiglie vendute, 3 seminari di mixology e 200 iscritti all’ABC sul Whisky. La location di “Spirit of Scotland 2015” è il prestigioso Salone delle Fontane all’EUR (Via Ciro il Grande 10/12, Roma). (Click to read more)


I VIGNAIOLI DEL TRENTINO RINUNCIANO ALLA POLTRONA NEL CDA DEL CONSORZIO VINI PER PROMUOVERSI IN MODO INDIPENDENTE

Nel corso della recente Assemblea del Consorzio Vini del Trentino, chiamata al rinnovo delle cariche, l’Associazione dei Vignaioli del Trentino ha comunicato di voler rinunciare alla nomina del proprio rappresentante all’interno del Consiglio di Amministrazione. Il diritto a tale nomina è previsto dallo Statuto del Consorzio in quanto “la composizione del Consiglio deve prevedere un’equa rappresentanza di tutte le categorie che partecipano al ciclo produttivo”. La decisione di rinunciare alla rappresentanza in seno al Cda del Consorzio Vini - approvata durante l’assemblea dell’Associazione Vignaioli del 26 febbraio 2015 - arriva dopo anni di vane richieste per una rappresentanza paritetica in seno al Consiglio di Amministrazione del Consorzio Vini. Il ruolo dei Vignaioli all’interno del Consorzio è, da Statuto, marginale. Il funzionamento infatti non si basa su un principio paritetico, ma il peso di ogni membro è calcolato proporzionalmente al quantitativo di uva e vino prodotti. La rappresentanza dei Vignaioli risulta in tal senso marginale rispetto a quella della cooperazione. (Click to read more)


AIS VENETO: IN DIRETTA DALL'ARGENTINA LA VENDEMMIA 2015

Un'esperienza senza precedenti, che getterà un ponte tra vecchio e nuovo continente. È questa la proposta che la delegazione vicentina di AIS Veneto ha in programma per giovedì 12 marzo, presso il Viest Hotel di Vicenza dove, a partire dalle ore 20.30, si terrà una serata-evento che unirà virtualmente l'Italia con il Sud America, alla scoperta dei vini della “Terra d'Argento”. Grazie ad un collegamento intercontinentale, le città di Vicenza e Mendoza vivranno uno speciale gemellaggio enologico, che comprenderà l'emozionante esperienza di un tour tra i vigneti durante la vendemmia del Malbec 2015 sotto la guida di Roberto Cipresso. Il celebre winemaker italiano, infatti, sarà nell'emisfero australe per illustrare al pubblico vicentino il lavoro tra i filari della zona di Mendoza, mentre Federico Bruera, brand ambassador di importanti cantine sudamericane, condurrà da Vicenza una altrettanto straordinaria degustazione di cinque tra le migliori produzioni di Malbec, il più importante vitigno argentino. Nei calici si alterneranno i vini della Cantina Achaval Ferrer di Mendoza, in particolare saranno in degustazione: Malbec Mendoza, Malbec Quimera, Finca Bella Vista, Ferrer Finca Mirador e Finca Altamira. (Click to read more)







l'Adige

SOAVE#Bolla#

#


Valdobbiadene Santa Margherita# simonit & sirch#stayinZONA#